Map & Fork Blog, Voyage et cuisine du monde – Viaggi e cucina del mondo

Ischia, una perla nel golfo di Napoli

Estate, voglia di mare, spiaggia, e abbronzatura! Oggi vi portiamo alla scoperta di una delle più belle isole del nostro mare: Ischia, recentemente eletta isola più bella isola d’Europa dalla rivista Travel + Leisure e incluso nel prezzo ci sarà anche un salto alla vicina Procida. Generosi no? 😉

ischia google mapsIschia, isoletta di cinquanta km quadrati dista meno di un’ora in aliscafo da Napoli. Nota anche come Isola Verde è un’isola vulcanica. Anche se il vulcano è oggi spento l’attività vulcanica sotterranea si manifesta attraverso le tante fumarole e dalle fonti di acqua calda, per la felicità degli abitanti sin dall’antichità e dei turisti da qualche decennio.

Ecco diverse attività che vi aspettano ad Ischia:

sec-DSCF9919

Rimettersi in sesto grazie all’acqua termale :

Niente di meglio di una cura termale per rilassarsi e sbarazzarsi di tutte le contratture muscolari. Le fonti di acqua termale che sorgono ad ogni angolo dell’isola, hanno diverse proprietà curative che vi lasciamo provare. I parchi termali sono numerosi e li abbiamo testati per voi (potete crederci: era dura!) I più grandi, che dispongono del maggior numero di piscine a temperature diverse  e di idromassaggi sono il Parco Termale Negombo nel comune Lacco Ameno, il Castiglione a Casamicciola Terme e il Poseidon a Forio. Tutti e tre hanno bei giardini, in modo particolare Negombo e Poseidon.

nitrodiCollage

E se cercate un po’ di fresco, passate sulle alture e fermatevi a a Barano per provare l’esperienza Fonte delle Ninfe Nitrodi, la fonte termale più antica dell’isola e tra le SPA più antiche al mondo. Sono stati i Greci infatti a scoprire questa fonte miracolosa nel primo secolo avanti Cristo, prima ancora dell’insediamento romano. Qui niente piscina ma una terapia con l’acqua e le piante aromatiche che fa il suo effetto. Dopo una doccia a base di acqua termale, potrete seguire un percorso di aromaterapia passando tra le piante del parco (rosmarino, citronella, melissa e tante altre), curare malattie della pelle o stimolare la circolazione sanguigna con un getto d’acqua. L’acqua termale e le piante del parco si trasformano anche in maschere cosmetiche e drink rinfrescanti per il piacere di tutti i sensi. Alla fine della giornata ci siamo sentiti così freschi da pensare che forse la leggendaria Fonte della giovinezza trova le sue origini qui!

sec-DSC_9369Arrampicarsi sulla cima di una montagna:

Con un’altezza di 789 metri, bastano buone scarpe e un po’ di coraggio per giungere la cima dell’unica montagna dell’isola, il Monte Epomeo, anche per i meno sportivi.
Se lasciate il votro mezzo alla fine della strada, cioè vicino al ristorante Il Grotto di Mezzavia Da Graziella, l’itinerario comincia attraversando il bosco. Il sentiero comincerà progressivamente a somigliare a un letto di fiume e quando uscirete dalla fitta vegetazione il panorama sarà già eccezionale, ma la salita non sarà finita.

Le diverse tappe per arrivare alla cima
Le diverse tappe per arrivare alla cima

Il sentiero si trasformerà in una mulattiera scavata nella roccia. Arriverete all’eremo di San Nicola, anch’esso scavato nella roccia. Da lì manca solo qualche metro e avrete raggiunto la cima. Potrete ammirare tutta l’isola a 360°, godere il panorama e essere fieri di aver scalato una montagna (non è l’Everest ma avrete sudato per arrivarci allora godetevi questi attimi!)

C’è un ristorante sulla cima, La Grotta da Fiore, dove potete riprendere un po’ di energia con le specialità tipiche ischitane come bruschetta al pomodoro fresco, uno spaghetto o un coniglio prima di scendere e di concludere la giornata al mare.

Il nostro consiglio: evitate le ore più calde e prima di avviarvi verificate che il cielo sia sereno, altrimenti rischierete di non vedere granché.

sec-DSCF9395

Spiagge per tutti i gusti:

Ovviamente, con i suoi 51km di coste, non mancano le spiagge a Ischia e ce ne sono per tutti i gusti. Ci sono quelle private, attrezzate con i lettini comodi o quelle pubbliche per il piacere di stare sulla sabbia. Ci sono lunghe distese di sabbia come la spiaggia dei Maronti o insenature rocciose dove l’acqua calda incontra l’acqua di mare, come a Sorgeto. Per i più coraggiosi ci sono anche spiagge e baie più difficili di accesso, che richiedono di attraversare boschi e sentieri scoscesi ma che offrono il privilegio di essere da soli o quasi (maggiori dettagli qui).

Pronti a tuffarvi?

DSC_8490-pic
Il sentiero per arrivare al faro di Punta Imperatore

Ammirare il paesaggio:

La quarantina di km² dell’isola abbonda di angoli di paradiso e non c’è niente di meglio di una passeggiata nei sentieri per scoprire posti splendidi o insoliti.

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Rimaniamo sempre affascinati dai disegni formati nella roccia dalla sedimentazione. Ce ne sono dappertutto a Ischia.

 

Dalle scogliere a picco sul mare ai cespugli di ginestre passando per le pareti di tufo verde, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Il nostro consiglio: andate a spasso per i sentieri e seguite la vostra ispirazione, potrete scoprire cose straordinarie! (ma tenete comunque una cartina in tasca)

sec-DSC_0132Passeggiare e fare shopping:

Per svaligiare le botteghe degli artigiani, riempire la valigia di vestiti estivi e colorati, farsi una scorpacciata di gelati senza moderazione, fare due passi sul lungomare e ben altro sarete da Dio a Ischia Ponte e Sant’Angelo. Potete anche visitare il Castello Aragonese a Ischia o guardare un film all’aperto approfittando dell’Ischia Film Festival che si tiene ogni anno all’inizio dell’estate in uno scenario unico.

*Nota Bene: Ischia non è solo il nome dell’isola, ma anche quello del comune più grande. Ischia Ponte è la parte pedonale con i negozietti e le stradine tipiche. Gli altri comuni dell’isola sono Lacco Ameno, Casamicciola Terme, Forio, Barano e Serrara Fontana.

Quand on ne sait pas choisir, on prend un peu de tout!
Scelta troppo difficile? Nessun problema: prendiamo di tutto!

Assaggiare le specialità locali:

La specialità dell’isola è il coniglio all’ischitana, un piatto dai sapori autentici della cucina tradizionale e contadina. Una volta i conigli venivano allevati dentro dei fossi scavati dai contadini e vivevano in semi-libertà. Quei conigli venivano poi cucinati con pomodori e profumi del giardino. Oggi si può ancora trovare questa prelibatezza al menù di vari ristoranti, tra cui uno a conduzione familiare dove l’abbiamo assaggiato: La Forastera, a Panza (frazione del Comune di Forio).

Provate anche le specialità a base di pesce, crudo o cotto, i crostacei, le seppie, le linguine all’astice, la frittura di paranza… la lista è lunga. I migliori ristoranti di pesce che abbiamo provato sono il Pescatore a Sant’Angelo e La Romantica a Forio.

Il nostro consiglio: ascoltate i suggerimenti dello chef e lasciatevi tentare.

E se non vi piace il pesce o siete carnivori incalliti, c’è anche la steack house Porcavacca a Ischia Ponte, dove la freschezza e la bontà della carne va di pari passo con la simpatia dei giovani proprietari.

ravinoCollageVedere un albero contemporaneo dei dinosauri:

Con il suo clima mite e la posizione ideale, ad Ischia cresce tutto: pomodori, meloni, fichi, insomma tutte le cose buone. L’isola verde è dunque il miglior posto per un giardino botanico. Il capitano D’Ambra, un isolano che solcava i sette mari un giorno cominciò a portare nella stiva della sua nave alcune piante capaci di resistere ai lunghi mesi di viaggio: i cactus. Con il passare degli anni la sua collezione si è ingrandita e oggi suo figlio Luca gestisce i magnifici Giardini Ravino, che raggruppano piante succulenti provenienti da tutto il mondo.

Non si chiamano succulenti perché sono deliziose ma è il nome di questo ceppo di piante, anche chiamate piante grasse. Potrete dunque ammirare cactus giganti come nel Colorado, alberi da sapone portati dall’India, tanti fiori diversi e un albero che esisteva già all’epoca dei dinosauri: il Pino Wollemi.

Inoltre, i pavoni che circolano liberi nel parco vi faranno una bella ruota se siete fortunati quanto noi.

sec-DSC_9730BONUS : un salto a Procida

Se siete in vacanza a Ischia, approfittatene per fare un salto a Procida, ci vogliono appena 15 minuti per andarci con l’aliscafo. L’isola è molto più piccola, come un’Ischia condensata, con le casette tipiche colorate, le stradine lastricate e quest’atmosfera unica del Sud Italia.

L’isola è stata una prigione per molto tempo, si può ammirare ancora oggi il carcere borbonico a picco sul mare e immaginare la vista mozzafiato dalle sue celle.

Il famoso film Il Postino con Massimo Troisi è stato girato a Procida e molti cartelli disseminati sull’isola testimoniano delle scene che vi sono state riprese.

Vi consigliamo dunque di salire sopra tutto alla “Terra Murata”, per vedere il carcere e la Chiesa Abbazia di San Michele Arcangelo, lì avrete un panorama unico su tutta l’isola. Poi scendete sulla Marina di Corricella, un porticciolo molto suggestivo e degno di una cartolina. Potrete pranzare in terrazza, ammirare la vista sul porto e vedere le barche approdare a due passi dal vostro tavolo, prima di avviarvi verso il mare per rinfrescarvi.

Abbiamo provato la spiaggia del Pozzo Vecchio, appuntamento di imbarcazioni a mezz’ora a piedi dalla Corricella: l’occasione di girovagare per le stradine e scattare delle belle foto ricordo.

Dove dormire ad Ischia?

La maison charmante, ideale per due persone, centrale e con un ottimo rapporto qualità prezzo! Altrimenti provate qui

Vi abbiamo dato voglia di andarci?

Prima di prenotare il vostro viaggio non dimenticare di guardare tutte le nostre foto di Ischia e Procida

Et si vous aimez...
Left-up-arrow Supportez nous avec
un simple j'aime.

Rispondi